slider infrastrutture
 

3d radar antenna

Le principali tecniche geofisiche per l’esplorazione del sottosuolo impiegate sul territorio sono quelle elettromagnetiche nel dominio del tempo (TDEM), di tomografia elettrica 2D e 3D (ERT) e quelle di geoelettrica capacitiva (CCR).

Le tecniche TDEM sono impiegate per definire la profondità del bedrock, caratterizzare la morfologia del substrato e lo spessore del riempimento quaternario di bacini estensionali controllati da faglie nell’appennino centrale.

Spesso vengono integrate con altri metodi di prospezione, come le ERT per una ricostruzione tridimensionale del sottosuolo.

La tomografia elettrica trova numerosissime applicazioni che vanno dallo studio di bacini geologici intramontani alla mappature di faglie, dall’individuazione di sinkhole alla localizzazione di falde idriche sotterranee, dal monitoraggio di aree franose alla ricerca di cavità in aree urbane.

Le tecniche di geoelettrica capacitiva sono finalizzate alla definizione speditiva di contrasti di conducibilità nel sottosuolo a piccola profondità utili come indagini preliminari all’apertura di trincee paleosismologiche e all’individuazione di cavità ipogee a rischio sprofondamento in aree urbane.


 

SEDE centrale
Via di Vigna Murata 605
00143 Roma
RECAPITI TELEFONICI
+39 06 518601
Fax  +39 065041181
CONTATTI
aoo.roma2@pec.ingv.it
info@ingv.it
CODICE FISCALE
P.IVA 06838821004

           Note Legali        Privacy       Credits         P.IVA0683821004    .