iten

ICONA Facebook ICONA Twitter ICONA Youtube inst2

INGV presentazione
SAM 1164

Questa unità funzionale unisce le competenze di vari laboratori, con il compito di fornire un supporto tecnologico alle altre unità funzionali della Sezione. Tale supporto va inteso sia nel senso di ausilio nel mantenimento delle infrastrutture gestite da altre unità, sia nello sforzo di portare innovazione con la progettazione di nuovi strumenti di interesse per le attività della Sezione. 

RICERCA 

L’Unità Funzionale è coinvolta in varie attività di sviluppo tecnologico applicato a varie tematiche di interesse ambientale dell’istituto. Matrice comune alle attività è l’uso di tecnologie che sfruttano l’elettromagnetismo per i rilevamenti ed il monitoraggio sistematico di alcune grandezze geofisiche, sfruttando algoritmi avanzati per l’elaborazione dei dati. Tra esse possiamo includere le seguenti.

  • Monitoraggio dei parametri fisici in alta atmosfera. Sono sviluppate tecniche per studi a breve e lungo termine delle grandezze ionosferiche (incluse le relazioni Sole-Terra) e per le applicazioni nelle comunicazioni per via ionosferica o attraverso la ionosfera nelle comunicazioni satellitari e di radiolocalizzazione GPS. In questo ambito si sviluppano strumenti per la misura della densità elettronica e della velocità di deriva del plasma ionosferico. Si tratta sostanzialmente di radar HF (ionosonde), di cui sono già stati realizzati numerosi prototipi (AIS-INGV) forniti su richiesta anche ad altri istituti di ricerca stranieri.
  • Spettroscopia a microonde. Questa attività è focalizzata alla misura di concentrazione dei costituenti chimici in media atmosfera, con un particolare interesse alla riduzione dell’ozono nelle regioni polari. Le misure vengono effettuate tramite un Ground Based Millimeter Spectrometer (GBMS) sviluppato dall’istituto.
  • Radioglaciologia. Sviluppo di tecniche per prospezioni glaciologiche per la determinazione del bilancio di massa dei ghiacciaio e lo studio del clima. Questa attività è inserita nel Programma Nazionale di Ricerche in Antartide e all’interno di progetti internazionali di esplorazione di laghi subglaciali e di rilevamento della topografia del bedrock. Il gruppo che opera in questa disciplina ha sviluppato più radar (INGV-IT) con cui sono state eseguite diverse campagne di misura in Antartide per la determinazione dello spessore del ghiacciaio continentale. A tale scopo sono stati eseguiti rilevamenti di diverse migliaia di km (circa 60000 km). Si eseguono ricerche per il rilevamento di strutture morfologiche del bedrock e per la caratterizzazione dei laghi subglaciali. In generale le aree esplorate sono nel settore est dell’Antartide e in particolare nell’area tra Dome-C e Vostok. Si individuano anche zone con basso flusso glaciale allo scopo di scegliere con accuratezza i vari siti di carotaggio utili per la ricostruzione del clima delle epoche passate.
  • Prospezioni del sottosuolo (fino alle decine di metri) eseguite con tecniche che utilizzano il georadar (GPR) e tecniche geoelettriche e magnetiche. Tali indagini geofisiche, oltre a impiegare metodi non distruttivi, offrono il vantaggio di esplorare aree relativamente estese per la ricerca di anomalie e disomogeneità di vario tipo, che conferiscono a questo settore grandi potenzialità di applicazioni pratiche. La ricerca di strutture metalliche nel sottosuolo è svolta in collaborazione con le autorità preposte.
  • Caratterizzazione del rumore di fondo elettromagnetico di origine naturale e antropica. Tali ricerche sono volte allo studio di nuove tecniche di misura e rilevamenti che utilizzano le proprietà di propagazione delle onde elettromagnetiche (direzione, polarizzazione ecc.).
  • Sviluppo di nuove tecniche di misura che sfruttano dispositivi elettronici e software di elaborazione. Supporto tecnologico alle altre Unità Funzionali della Sezione (riparazione strumenti, reperimento componenti elettronici e materiale informatico).

Le predette attività sono svolte da personale tecnico (laureato e diplomato) specializzato in varie aree, prevalentemente elettronica. 

INFRASTRUTTURE  

I laboratori che costituiscono l’unità funzionale sono suddivisi principalmente in base all’intervallo di frequenze elettromagnetiche utilizzate nella strumentazione, che comportano ciascuno tecniche specifiche. 

Laboratorio di Sviluppo per la Spettroscopia a Microonde

Si occupa dello sviluppo della strumentazione idonea allo studio delle specie chimiche presenti nella media atmosfera (radiometri a microonde). Supervisore: dott. Giovanni Muscari.

Laboratorio di Sviluppo per Tecnologie a RF

Si occupa del mantenimento della strumentazione ionosferica e sviluppo di nuova strumentazione a radio frequenza, non solo per lo studio della ionosfera ma anche per altre attività come l’indagine a distanza dei ghiacciai. Viene sviluppata anche la strumentazione per il rilevamento del fondo elettromagnetico (naturale e artificiale) a frequenze al di sotto di 100 kHz. Supervisore: ing. Umberto Sciacca.

Laboratorio di Sviluppo per le Misure Geomagnetiche

Si occupa del mantenimento della rete geomagnetica nazionale e lo sviluppo di nuova strumentazione di rilevamento del campo geomagnetico. Supervisore: dott. Achille Zirizzotti.


Personale afferente

  • Achille Zirizzotti, (Responsabile unità)
  • Umberto Sciacca
  • Osvaldo Faggioni
  • Giovanni Muscari
  • Stefano Urbini
  • Maurizio Soldani
  • Giovanni Benedetti
  • Michelina Serafini

SEDE centrale
Via di Vigna Murata 605
00143 Roma
RECAPITI TELEFONICI
+39 06 518601
Fax  +39 065041181
CONTATTI
aoo.roma2@pec.ingv.it
info@ingv.it
CODICE FISCALE
P.IVA 06838821004

           Note Legali        Privacy       Credits         P.IVA0683821004    .